Questo sito utilizza cookies tecnici ma, altresì, cookie analitici propri che raccolgono, in forma anonima (attraverso il mascheramento di porzioni dell’indirizzo IP dell’utente), informazioni statistiche e aggregate sulle modalità di navigazione degli utenti (ad es., numero di pagine visitate e accessi, tempo di permanenza nel sito). Tali cookie, utilizzati direttamente dal gestore del Sito ai sensi dell’art. 6, par. 1, lett. f) del GDPR, sono assimilati ai cookie tecnici e non necessitano del consenso dell’utente. Inoltre, i predetti cookie analitici, una volta memorizzati sul browser dell’utente, ferma la possibilità per l’utente di decidere di disabilitarne l’utilizzo sul proprio browser, in qualsiasi momento, nelle modalità indicate nella sezione “Come disabilitare e cancellare i cookie”.
Per maggiori informazioni consulta la pagina Privacy policy

FAQ

GENERALE

Le amministrazione ricomprese nell’art.1 comma 2 del Dlgs 165/2001.
Al momento sono presenti 2 sistemi per l'inserimento dati nelle banche dati di PerlaPA ed è necessaria la registrazione a:
  • PerlaPA 2017 (vecchio sistema) per l'inserimento dei dati relativi a:
    • Gedap,
    • Gepas,
    • Permessi ex L. 104/92
  • ADP per l'inserimento dei dati relativi all'Anagrafe delle Prestazioni.
Anagrafe delle Prestazioni contiene tutti i dati relativi agli incarichi conferiti prima e dopo il 2018.
E’ il sistema che permette di comunicare i dati relativi all’Anagrafe delle Prestazioni.
Tutte le amministrazioni tenute a tale adempimento devono registrarsi con un Responsabile (di Anagrafe delle Prestazioni (AdP))
E’ il sistema PerlaPA, già on line prima del 2018, che permette di comunicare i dati relativi a: Gedap, Gepas e Permessi ex L. 104/92. Tutte le amministrazioni tenute a tali adempimenti devono registrarsi a PerlaPA 2017 con un Responsabile Procedimento (per ogni singolo adempimento)

Punto Unico di accesso (PUA) per accesso ad AdP2.0

Gli utenti registrati nella precedente AdP-UNIFICATA non dovranno effettuare una nuova registrazione ma riceveranno una email (al proprio indirizzo registrato in AdP-Unificata) con le istruzioni per il Reimposta PASSWORD.
Nel caso in cui non si dovesse ricevere tale email, l'utente di AdP-Unificata potrà comunque entrare nella nuova Anagrafe delle Prestazioni dal bottone "Accedi al Servizio" tramite SPID, CIE o REIMPOSTA password
In caso di ulteriori problemi di accesso scrivere a Perlapa specificando nell'oggetto "AdP2.0 - PROBLEMA ACCESSO UTENTI AdP-Unificata" e riportando il proprio codice fiscale ed indirizzo email registrato in AdP-Unificata.
Gli utenti che non sono registrati in AdP-Unificata possono registrarti alla nuova Anagrafe delle Prestazioni 2.0 tramite il bottone accedi della pagina dell'applicativo e successivamente con SPID, CIE oppure nuova registrazione.
Se si effettua il primo accesso tramite SPID ma successivamente si decide di accedere tramite credenziali (Codice fiscale e password), non si dovrà effettuare una nuova registrazione ma effettuare il "Reimposta Password" con il quale si riceveranno le dovute istruzioni sulla casella email utilizzata per la registrazione presso il proprio gestore SPID oppure nell'eventuale casella inserita dall'utente nella sezione Gestione Profilo del Punto Unico di Accesso (PUA).
Una volta fatto un accesso tramite Username e Password, la password resterà sempre valida anche in caso di accesso successivo tramite SPID o CIE. Sarà comunque possibile modificarla tramite la funzione di Reset Password
Se sei già registrato in PUA e non ricordi la tua password puoi reimpostarla: riceverai le istruzioni per l'accesso nella casella email da te indicata in fase di registrazione al PUA o nel caso di accesso tramite SPID nella casella dichiarata al proprio gestore. Potrai sempre aggiornare l’indirizzo della tua email PUA entrando nella “Gestione del Profilo”.
Puoi comunque accedere a AdP2.0 dalla relativa pagina dell'Anagrafe tramite SPID, CIE o Reimposta Password. In caso di problemi puoi sempre scrivere a PerlaPA con oggetto "AdP2.0 - PROBLEMA ACCESSO UTENTI AdP-Unificata" e riportando il tuo codice fiscale
Se sei già registrato ad AdP-Unificata ma non hai le credenziali di accesso o se hai cambiato il tuo indirizzo email o non lo ricordi, prima di richiedere l'assistenza ti consigliamo:

(Soluzione 1) di accedere al Punto Unico di Accesso tramite SPID o CIE. In tal modo sarà automaticamente impostato come indirizzo email predefinito quello che hai associato al tuo SPID o CIE.
Si precisa che potrai successivamente modificate tale email in qualsiasi momento accedendo al tuo profilo personale di PUA effettuando il Reimposta Password con cui riceverai le relative istruzioni nella tua casella associata a SPID o CIE.

(Soluzione 2) in alternativa di scrivere a perlapa@governo.it riportando nell'oggetto "PUA - AdP-Unificata - Richiesta cambio email" e riportare
- proprio codice fiscale
- riferimenti
- nuovo indirizzo email da impostare

Rilevazione Permessi ex-Lege 104/92


FAQ CANDIDATURA
Per registrarti alla Rilevazione permessi ex l.104/92 accedi al servizio ed entrando nel PUA (Punto Unico d’Accesso) mediante credenziali (codice fiscale e psw), SPID, CIE o CNS, potrai candidarti autonomamente dalla sezione "Le mie candidature – Nuova candidatura".
Ti invitiamo a verificare preliminarmente in IPA - Indice delle Pubbliche Amministrazioni se la tua struttura sia registrata come Pubblica Amministrazione oppure come articolazione della stessa (AOO-Area Organizzativa Omogenea o UO-Unità Organizzativa). Nel caso in cui fosse una AOO o un UO, è necessario procedere alla candidatura come utente Inseritore dell'Amministrazione centrale, selezionando successivamente la AOO/UO. Ti ricordiamo che le candidature degli Inseritori vengono approvate/revocate dal Responsabile unico dell'Amministrazione centrale.
Per candidarti a Responsabile devi accedere al servizio tramite il PUA e candidarti dalla sezione "Le mie candidature – Nuova candidatura". Il Responsabile dell’Amministrazione deve necessariamente disporre di firma digitale. L’applicativo è collegato all’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA). Il Responsabile deve controllare se l’amministrazione è registrata in IPA, nel caso in cui la PA non sia presente o sia presente con dati errati è necessario rivolgersi al responsabile IPA della propria amministrazione.
No, ogni Amministrazione può avere un solo Responsabile e più Inseritori. Sia il Responsabile che gli Inseritori possono essere associati a più di una amministrazione.
Devi accedere alla Rilevazione permessi ex-lege 104/92, sezione "Le mie Candidature", ed utilizzare le apposite voci del comando "Azioni" per scaricare l'Atto di nomina, firmarlo digitalmente e allegarlo a sistema. Ti consigliamo di non aprire l’Atto di nomina scaricato e di sovrascrivere il file firmato, senza modificare la denominazione del file stesso. Decorse 72 ore dal caricamento dell’Atto di nomina firmato digitalmente (la richiesta è nello stato “in attesa di approvazione”) la candidatura del Responsabile verrà approvata automaticamente dal sistema.
Il Responsabile può:
  • Abilitare/respingere le candidature degli utenti Inseritori della PA e delle AOO/UO;
  • Revocare gli utenti Inseritori precedentemente abilitati per la PA e per le AOO/UO;
  • Inserire/modificare i permessi ex-lege 104/92 sia per la PA che per le AOO/UO;
  • Verificare le “autodichiarazioni di fine lavoro” inviate dagli Inseritori che hanno dichiarato di aver terminato l’inserimento dei dati;
  • Inviare la dichiarazione finale per l’intera amministrazione;
  • Creare le credenziali per la procedura WebService di trasmissione massiva dei dati.
  • Se Inseritore per la PA, può inserire i dati al livello di PA oppure per le AOO/UO dipendenti, selezionandole dal menu a tendina proposto dal sistema;
  • Inseritore di una AOO, può inserire i dati per la AOO di appartenenza e per le UO dipendenti, selezionandole dal menu a tendina proposto dal sistema;
  • Se Inseritore di una UO, può inserire o variare i dati soltanto per la sua area di competenza.

FAQ INSERIMENTO/VARIAZIONE PERMESSI
Nella Rilevazione permessi ex l.104/92 devono essere comunicati esclusivamente i permessi orari o giornalieri fruiti dai dipendenti titolari del beneficio ex l.104/92 per assistere persone con disabilità o per sé stessi, secondo quanto previsto dall’art. 33, commi 2 e 3, della Legge n. 104/92; sono esclusi i congedi.
Si, devono essere inseriti i dati di tutti i dipendenti beneficiari dei permessi ex lege 104/92 anche se non hanno fruito di alcun permesso orario o giornaliero nel corso dell'anno oggetto di rilevazione. Devono essere inseriti anche i dati delle persone con disabilità assistite dai dipendenti, anche nel caso in cui non sono stati fruiti permessi per assisterli nel corso dell’anno di rilevazione.
Deve essere inserita la data nella quale il dipendente ha iniziato a lavorare presso l’amministrazione dichiarante. Il sistema non consente di inserire permessi antecedenti alla data di entrata in servizio indicata.
No, ogni amministrazione deve indicare le rilevazioni per i dipendenti in servizio, appartenenti all’area funzionale e dirigenziale, nel corso dell’anno oggetto di rilevazione, sia personale di ruolo che personale non di ruolo ovvero personale di prestito.
La percentuale del part-time deve essere inserita senza i decimali dopo la virgola, se del caso con arrotondamento all’unità superiore.
Il sistema consente di inserire in un’unica procedura sia i permessi fruiti per sé stesso sia quelli fruiti per assistere una o più persone con disabilità, selezionando entrambe le tipologie nella sezione “Scelta del permesso”.
L’applicativo non consente l’inserimento nell’arco dello stesso mese dei permessi orari e giornalieri, pertanto, è necessario convertire i permessi fruiti a giornate intere in ore, considerando convenzionalmente la durata dell’orario di servizio pari a 6 ore giornaliere.
L’applicativo consente di inserire solo l’ora intera e non la frazione, il minimo consentito è di 1 ora. Nel caso di frazioni di ora occorre procedere all’inserimento delle ore giornaliere in misura intera, effettuando gli opportuni arrotondamenti, nel rispetto del limite massimo stabilito dalla normativa vigente di 18 ore mensili. Nel caso in cui si verifichi una discordanza tra i dati inseriti sul Portale e quelli dei sistemi interni di rilevazione delle amministrazioni, si rappresenta che tale difformità non è considerata significativa, in quanto ciò che rileva è la comunicazione del contingente complessivo di giorni ed ore di permesso fruiti da ciascun lavoratore nel corso dell’anno precedente e per ciascun mese. Pertanto, nelle more di un eventuale adeguamento dell’applicativo, è necessario osservare tale procedura.
L’applicativo mostra gli ultimi 10 anni, per inserire anni antecedenti è necessario selezionare un anno tra quelli proposti e, cliccando nuovamente sull’icona del calendario e sull’anno, vengono mostrati i 10 anni precedenti.
Si, è disponibile la modalità di trasmissione Web Service. Le credenziali per il WS possono essere generate solo dal Responsabile unico dell’amministrazione.

FAQ INVIO DICHIARAZIONE
L’invio della dichiarazione può essere effettuato soltanto dal Responsabile unico dell’amministrazione tramite l’apposita sezione “Gestione dichiarazioni”. Gli Inseritori possono comunicare al Responsabile di aver terminato l’inserimento dei permessi accedendo alla sezione “Autodichiarazione di lavoro terminato”.
Si, deve essere effettuato entro la scadenza del 31 marzo di ciascun anno, relativamente ai dati dell’anno precedente.
Il sistema consente di continuare ad inserire/modificare i dati delle rilevazioni fino alla data di scadenza. Se il Responsabile ha già inviato la dichiarazione finale e successivamente un inseritore di una AOO/UO inserisce o modifica i dati, il sistema avvisa il Responsabile mediante una mail di notifica indicandogli di procedere nuovamente all’invio della dichiarazione finale.
Non è necessario procedere alla riapertura. Il sistema permette a tutti gli utenti dell’amministrazione, anche dopo l’invio della dichiarazione finale, di inserire/modificare le rilevazioni fino alla data di Scadenza dell’adempimento.

FAQ AUTODICHIARAZIONE DI LAVORO TERMINATO
Questa sezione può essere utilizzata dagli Inseritori (della PA o di una AOO/UO) per comunicare al Responsabile della propria amministrazione di aver terminato l’inserimento dei dati. Il Responsabile può in ogni momento monitorare lo stato degli inserimenti verificando le autodichiarazioni di fine lavoro di tutti gli utenti Inseritori.
Il sistema permette a tutti gli utenti Inseritori dell’amministrazione, anche dopo l’invio della autodichiarazione di fine lavoro, di inserire/modificare le rilevazioni fino alla data di Scadenza dell’adempimento. In questo caso il sistema avvisa il Responsabile mediante una mail di notifica. E’ consigliabile, una volta terminato provedere ad inviare l’”autodichiarazione di fine lavoro”.

AdP - Registrazione ed Accreditamento

Iscrizione e Ruoli

Per registrarti ad AdP è necessario essere registrati al Punto Unico di Accesso della Funzione Pubblica e successivamente accreditarsi all'adempimento. Nella pagina dell'adempimento Anagrafe delle Prestazioni troverai i video tutorial esplicativi
Se sei già registrato all'Anagrafe delle Prestazioni Unificata puoi continuare ad operare su Anagrafe delle Prestazione ma dovrai seguire le istruzioni ricevute via email oppure effettuare un reimposta password.
Nel sistema ora puoi visualizzare tutti gli incarichi inseriti dalla tua amministrazione
Andando su Accedi al Servizio potrai successivamente effettuare il reimposta Password oppure accedere direttametne con SPID o CIE.
Le relative indicazioni le troverai nella pagina che comparirà quando farai reimposta password.
In Anagrafe delle Prestazioni ogni utente può svolgere più ruoli di Responsabile (per Amministrazioni diverse) e più ruoli di Inseritore (per Amministrazioni diverse). Inoltre è consentito scegliere un indirizzo email diverso e specifico per ognuno di questi ruoli. Per modificare/visualizzare un indirizzo email associato ad uno dei ruoli rivestiti è necessario andare nella sezione "Le mie candidature" ed, in corrispondenza dello specifico ruolo, cliccare sulla destra in corrispondenza dei 3 puntini accedendo alla relativa sezione per effettuare l'operazione richiesta.
SI.
Per poter operare sul sistema Anagrafe delle Prestazioni, dopo esserti registrato devi richiedere il ruolo di Responsabile o Inseritore tramite il percorso Le mie Candidature.
Per candidarti a Responsabile, sono necessari i seguenti pre-requisiti:
  • possedere la firma digitale
  • controllare se la tua amministrazione è registrata su IPA (Indice delle Pubbliche Amministrazioni) e se i dati sono esatti.
    PerlaPA 2018 colloquia con i dati presenti su IPA e se un'amministrazione non è presente o è presente ma con dati inesatti è necessario rivolgersi al responsabile IPA della propria amministrazione per risolvere il problema.
Per procedere alla candidatura al ruolo di Responsabile devi:
  • Accedere ad Anagrafe delle Prestazioni ed entrare in "Le mie Candidature".
  • Cliccare su Nuova Candidatura sul lato sinistro ed inserire Codice Fiscale della tua amministrazione
  • Selezionare il ruolo di Responsabile nel menù AZIONI sulla sinistra esuccessivamente inserire l'email istituzionale
Tutte le altre istruzioni le troverai nel videotutorial presente nella pagina dell'adempimento ADP
Si precisa che ogni amministrazione può avere un solo Responsabile. Quindi, se la tua amministrazione ha già un Responsabile e tu ti stai candidando per il ruolo di Responsabile, la tua richiesta andrà a sostituire quella del precedente Responsabile.
Un Responsabile può però essere associato a più di un'amministrazione.
Il Responsabile può:
  • Passare dal ruolo di Responsabile a Inseritore e viceversa tramite la voce di menu Scelta ruolo. Solo con il ruolo di Inseritore è possibile inserire/gestire gli incarichi su Anagrafe delle prestazioni unificata
  • Abilitare gli utenti che si sono candidati come Inseritori (per farlo deve inserire il codice fiscale di coloro che si sono candidati e procedere all'abilitazione)
  • Respingere le richieste di abilitazione di Inseritori
  • Revocare utenti Inseritori in precedenza abilitati.
Ogni amministrazione può avere più Inseritori, ma un solo Responsabile. Sia Inseritori che Responsabili possono essere associati a più di una amministrazione.
No. Un'amministrazione pubblica può avere un solo Responsabile. Nel caso esista già un Responsabile per un'amministrazione un nuovo candidato subentrerà, dopo 72 ore dalla sua richiesta di candidatura, al Responsabile in carica.
Si, è possibile essere Responsabile per più di un’amministrazione.
Puoi sostituire il Responsabile in carica accedendo ad Anagrafe delle Prestazioni e candidandoti a Responsabile. Per ulteriori informazioni segui il videotutorial nella pagina relativa ad ADP.

Per i dettagli leggi la FAQ dedicata alla richiesta del ruolo di Responsabile di AdP.
Per candidarti al ruolo di Inseritore devi procedere come segue:
  • Accedere ad Anagrafe delle Prestazioni ed entrare in "Le mie Candidature".
  • Cliccare su Nuova Candidatura sul lato sinistro ed inserire Codice Fiscale della tua amministrazione
  • Selezionare il ruolo di Inseritore nel menù AZIONI sulla sinistra esuccessivamente inserire l'email istituzionale
Tutte le altre istruzioni le troverai nel videotutorial presente nella pagina dell'adempimento ADP
Puoi candidarti al ruolo di Inseritore per più di un'amministrazione. Per farlo devi ripetere la precedente operazione per ogni amministrazione per la quale ti vuoi candidare.
Si precisa che ogni amministrazione può avere più di un Inseritore, ma un solo Responsabile.
Il Codice Fiscale inserito non corrisponde a nessuna pubblica amministrazione in IPA; il sistema riconosce infatti solo i codici fiscali delle pubbliche amministrazioni in IPA.
L’Inseritore ha il compito di inserire e gestire gli incarichi, in maniera indistinta, sia dei soggetti estranei alla pubblica amministrazione (consulenti) sia dei dipendenti pubblici.
Se non si è ancora provveduto a caricare a sistema il documento firmato digitalmente è possibile eliminare in maniera autonoma ila propria candidatura a Responsabile e, dopo aver provveduto a ciò, candidarsi come Inseritore.
No. Per generare i nuovi link è necessario andare nella relativa sezione di consulenti pubblici (https://consulentipubblici.dfp.gov.it/generatore)

Anagrafe delle Prestazioni

Anagrafe delle Prestazioni ricomprende tutti gli incarichi inseriti da un’amministrazione.
In base all’art. 53 del D.lgs. n. 165 del 2001, le amministrazioni pubbliche tenute all’adempimento sono quelle di cui all’art. 1, comma 2, del D.lgs. n. 165 del 2001.
Una volta effettuato l'accesso ad Anagrafe delle Prestazioni scegliere:
  • 'Anagrafe delle prestazioni prima del 2018' per incarichi con data di conferimento prima del 1 gennaio 2018
  • 'Anagrafe delle prestazioni dal 2018', per incarichi con data di conferimento a partire dal 1 gennaio 2018
Gli incarichi con data di conferimento antecedente al 1 gennaio 2018 possono essere gestiti tramite la voce di Menù Anagrafe delle prestazioni prima del 2018 dove è possibile:
  • Visualizzare ed esportare (download) incarichi
  • Cancellare incarichi
  • Gestire solo gli incarichi a saldo=NO e limitatamente alla modifica dei campi necessari per portarli a saldo=SI (data fine incarico, tipologia di compenso, compenso, stato del pagamento, ammontare erogato)
Non è possibile, invece, inserire nuovi incarichi con data di conferimento antecedente il 1 gennaio 2018.
Gli incarichi con data di conferimento dal 1 gennaio 2018 in poi vanno gestiti tramite l'accesso a Anagrafe delle prestazioni dal 2018.

I termini sono i seguenti:
  • gli incarichi relativi ai consulenti (ossia, a soggetti esterni alla pubblica amministrazione) vanno inseriti entro tre mesi dal conferimento dell'incarico,
  • gli incarichi conferiti o autorizzati ai dipendenti vanno inseriti entro 15 giorni dal conferimento o autorizzazione dell’incarico, da parte dell'amministrazione che ha autorizzato l'incarico (D.Lgs 165/2001 art.53 c.12).
Dal portale consulentipubblici.dfp.gov.it è possibile generare il relativo link tramite la funzione "genera link" che si trova a fondo pagina sul lato destro
L’incarico conferito a consulenti e collaboratori esterni è un incarico individuale affidato ad una persona fisica.
Laddove l’incarico è venga contabilizzato a persona giuridica e dai documenti di fatturazione, i compensi risultino erogati a favore di un solo soggetto (anche se si fa ricorso a forme di collaborazioni interne che non rilevano ai fini della comunicazione), nel sistema verranno inseriti l’importo complessivo erogato riferito al singolo soggetto rappresentante della stessa persona giuridica e i relativi allegati (CV e Dichiarazione svolgimento altri incarichi).
Laddove, invece, l’incarico sia da considerare conferito a favore di tutti i professionisti incaricati ricompresi nella fattura, nel sistema si potranno inserire più incarichi, suddividendo il compenso pro quota per ogni soggetto e per ogni incarico con i relativi allegati (CV e Dichiarazione svolgimento altri incarichi per ciascuno dei professionisti).
In alternativa, nel sistema potrà essere inserito l’incarico unico a persona giuridica con un pdf cumulativo riportante in sequenza i CV di tutti i soggetti ricompresi. La stessa modalità verrà adottata per l’inserimento dell’allegato “Dichiarazione svolgimento altri incarichi”.
L’ambito tematico è una classificazione descrittiva dell’attività inerente all’oggetto dell’incarico conferito. L’utilizzo di tale classificazione assolve a una finalità di tipo statistico. Si consiglia di ricercare tra le voci in lista quella più consona a descrivere l’incarico. L’elenco riportato dal sistema è implementabile, eventuali suggerimenti di nuove voci si possono inoltrare scrivendo alla casella perlapa@governo.it.
E’ disponibile la modalità di trasmissione Web Service che permette di comunicare gli incarichi dei Dipendenti e dei Consulenti. Per poterlo fare occorre essere registrati come Responsabile per la propria amministrazione. E’ stato predisposto un ambiente di collaudo per gli sviluppatori adatto ad effettuare i test. E’ inoltre disponibile il Manuale Operativo scaricabile dall’applicativo.
A gennaio è stata effettuata la manutenzione tecnica e sono stati cancellati i dati dal data base per motivi di privacy. Occorre, quindi, rigenerare le credenziali per il WS seguendo i passi indicati nella FAQ dedicata.
Le credenziali per il WS possono essere generate solo dal Responsabile del procedimento di una PA. I passi previsti di seguito elencati sono validi sia in ambiente di collaudo (per effettuare i test) che in ambiente di produzione:
1. Se non si è registrati all’ambiente in cui si vuole operare, si deve effettuare una candidatura come responsabile ed attendere l’attivazione d parte del Sistema (procedura guidata)
2. Se si è già registrati come Responsabile, accedere all'applicativo con le proprie credenziali (se l'utente non ricorda la password si può effettuare un reset della psw).
3. Generare, poi, le credenziali per il WS dall'apposita sezione all'interno dell'applicativo, le credenziali saranno inviate alla mail del Responsabile
I codici univoci delle articolazioni appartenenti alla struttura di una amministrazione sono i codici delle AOO (Aree Organizzative Omogenee) e delle UO (Unita organizzative) presenti in Anagrafe Centralizzata (AC), l’anagrafica delle amministrazioni gestita dal Dipartimento della Funzione pubblica. Per poter reperire queste informazioni è possibile utilizzare il metodo di “Recupero codiceUnivocoPaAoo e codiceUnivocoPaUo da Anagrafe Centralizzata (AC)” descritto nel Manuale WS AdP 2.0 che restituisce il dettaglio dell’amministrazione presente sulla piattaforma AC. I codici per l’ambiente di collaudo sono diversi da quelli dell’ambiente di produzione, come riportato nel manuale.

PRIVACY - Vincoli per l'acquisizione del curriculum vitae

I documenti caricati sulla piattaforma “Anagrafe delle Prestazioni” devono essere conformi alla vigente normativa in materia di privacy e contenere le sole informazioni valutate dalle Amministrazioni ai fini dell’assegnazione dell'incarico.
Per quanto concerne i dati personali, gli unici dati identificativi richiesti nel curriculum vitae sono il nome e il cognome del consulente/dipendente interessato.
Pertanto, le Amministrazioni, PRIMA di effettuare il caricamento sulla suddetta piattaforma dei curriculum vitae dei soggetti a cui è conferito/autorizzato l’incarico, devono provvedere all’eventuale oscuramento dei dati personali non richiesti o necessari, ivi presenti.

IPA

IPA (Indice delle Pubbliche Amministrazioni) è stato istituito dall’art. 6-ter (Indice degli indirizzi delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi) del d.lgs. 82/2005 (Codice dell’Amministrazione Digitale).
Nel sistema di registrazione ad Anagrafe delle Prestaioni, quando l’utente si registra in qualità di Responsabile o Inseritore, nel digitare il Codice Fiscale dell’amministrazione, il sistema accede ai dati di interesse presenti in IPA (Indice delle Pubbliche Amministrazioni). L’eventuale modifica di dati presenti in IPA può essere effettuata soltanto dal Referente IPA dell’amministrazione.
Si, ogni notte viene effettuato un allineamento con i relativi dati presenti in IPA.

SISTEMA PerlaPA 2017

GEDAP

Selezionando l’adempimento GEDAP e scegliendo "Accedi al Servizio". Si verrà reindirizzati al vecchio sistema in cui tutto è rimasto immutato rispetto all’adempimento in questione.

GEPAS

Selezionando l’adempimento GEPAS e scegliendo "Accedi al Servizio". Si verrà reindirizzati al vecchio sistema in cui tutto è rimasto immutato rispetto all’adempimento in questione.

Adempimenti NON Attivi

ASSENZE

No, la banca dati “Rilevazione delle assenze” non è più attiva nel sistema Perlapa. L’abrogazione del comma 1 dell'art. 21 L. 69/2009 ha fatto sì che siano decaduti tutti gli obblighi di comunicazione correlati, compresa la comunicazione dei dati sulle assenze che le PP.AA. inviano su base mensile al Dipartimento della Funzione Pubblica.